FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksRSS Feed
Lunedì, 18 Dic 2017
Joomla Templates and Joomla Extensions by joomla2you.Com

Caballero 50 Regolarità Super 6M TX 191 (1977)

Modello da regolarità con motore due tempi raffreddato ad aria…

Caballero 50 Regolarità Super 6M  TX 191 (1977) Caballero 50 Regolarità Super 6M  TX 191 (1977)

Trial 50 Serie 7 FM 376 (1990)

Modello da trial 50 ispirato alla serie 307...

Trial 50 Serie 7 FM 376  (1990) Trial 50 Serie 7 FM 376  (1990)

Cross Competition FM 280.01 80cc

Modello da 79,74 cc con cilindro in lega leggera a…

Cross Competition FM 280.01 80cc Cross Competition FM 280.01 80cc

Caballero 50 Regolarità Casa TX 190 (1980)

Modello regolarità casa con motore due tempi raffreddato ad aria…

Caballero 50  Regolarità Casa TX 190  (1980) Caballero 50  Regolarità Casa TX 190  (1980)

GranTurismo 50 TX 200

Modello GT con motore due tempi di 49,6 cc

GranTurismo 50 TX 200 GranTurismo 50 TX 200

Caballero 50 Competition 6M TX 9.5 (1971)

Modello competizione con cambio a sei marce e motore Minarelli…

Caballero 50 Competition 6M TX 9.5  (1971) Caballero 50 Competition 6M TX 9.5  (1971)

Caballero 50 Regolarità 6M TX 96 (1973)

Modello 6 marce con motore Fantic SP6 con distribuzione regolata…

Caballero 50 Regolarità 6M TX 96 (1973) Caballero 50 Regolarità 6M TX 96 (1973)

Trial 200 FM 350 (1980)

Modello con motore da 156,99 cc con testa in lega…

Trial 200 FM 350  (1980) Trial 200 FM 350  (1980)

K-ROO FM 455 1991

Modello da 249,4 cc con raffreddamento a liquido...

K-ROO FM 455 1991 K-ROO FM 455 1991

Caballero 50 TX 9 (1970)

Modello del 1970 con motore Minarelli P4/A...

Caballero 50 TX 9  (1970) Caballero 50 TX 9  (1970)

Restauro silenziatore S 101

Uno dei più fastidiosi problemi che incontriamo nel restaurare le nostre moto è la pulizia dell'espansione e del silenziatore. Nel caso di quest'ultimo, mi è capitato un paio di anni fa di assemblare un tx 160  telaio grigio, utilizzando due diverse moto, un vero tx 160 e un regolarità casa dello stesso anno. La ciclistica è uguale, mentre il motore, come sapete è diverso. Nel rimontare la moto, ho utilizzato una marmitta nuova della Polini che avevo da molti anni, mentre il silenziatore è il suo originale S 101 di una delle due che ho smontato. Conoscendo un amico che è un ottimo fabbro, non ho avuto esitazione nello smontare il silenziatore, pulirlo, risaldarlo. Dopo averlo fatto verniciare a polveri epossidiche insieme al resto dei particolari della moto ed al telaio, quando ho rimontato tutto e provato la moto, con notevole soddisfazione  devo dire che il risultato è stato ottimo, nessuna perdita, nessun rumore strano, ma l'inconfondibile sound delle moto Fantic. Quando dovete pulire l'espansione, vi consiglio di prestare la massima attenzione nel punto dove il contro cono si unisce col tubetto finale della marmitta. Quello è il punto che si intasa di più e che deve essere pulito con la massima attenzione.

Ruggero Carbonera

 

01

Il silenziatore esteriormente era in condizioni abbastanza buone, con qualche "gibollo" e graffiatura.

02

Si stacca la staffetta di collegamento al telaio e con la moletta a disco si inizia a scomporre il silenziatore.

03

La scomposizione mediante moletta a disco è ultimata.

04

Con l'ausilio di un trapano e relativa punta,  si perforano i punti di fissaggio della due anime interne del silenziatore.

05

Facendo leva, si separano i due semigusci appena tagliati.

06

Così finalmente potete vedere come è fatto il silenziatore del TX 160. Si inizia a togliere i residui carboniosi più grandi con l'ausilio di opportuni attrezzi, o di un semplice cacciavite come in questo caso.

07

A questo punto si usa una spazzola metallica.

08

Si eliminano le ammaccature con martelli adeguati.

09

Con la fiamma ossioacetilenica si tolgono le restanti incrostazioni e i residui oleosi.

10

Stessa operazione sul secondo semiguscio.

11

Ulteriori incrostazioni difficili da eliminare vengono tolte con un semplice cacciavite.

12

Si procede cun una pulitura usando del semplice diluente nitro.

13

Si raddrizza la costola di giunzione del semiguscio esterno  con il martello, appoggiandolo bene a un pesante blocco di ferro.

14

Facendo leva si raddrizza e centra il tubo forato prima di risaldarlo al tubicino esterno.

15

Ora si procede alla saldatura del tubo forato al tubo di collegamento all'espansione.

16

Si inzia il riassemblaggio del silenziatore, ripuntando una delle due anime interne.

17

Si ultima la puntatura dell' anima interna, facendo attenzione all'allineamento delle varie parti del silenziatore nel suo complesso.

18

Si inizia la saldatura dei due semigusci.

19

Si tengono uniti i due semigusci con delle pinze autobloccanti.

20

Si prosegue la saldatura.

21

22

23

Si ultima la saldatura.

24

Qualche ritocco ancora.

25

Le saldature sono state completate a parte la staffa di ancoraggio al telaio

26

Si inizia a levigare le saldature utilizzando la moletta con dei dischi abrasivi.

27

Levigatura ultimata.

28

Si raddrizza la staffetta di ancoraggio del silenziatore al telaio.

29

Si posiziona la staffa per la saldatura. Nel mio caso, avendo sostituito l'espansione originale con una della Polini, ho dovuto spostarla leggermente  dalla posizione originale. La saldatura è stata fatta in un secondo momento,  dopo avere accertatato i vari allineamenti. 

30

Ultima passata con la fiamma ossioacetilenica per rimuovere la vecchia vernice esterna. Pronto per essere verniciato.

footer 

Devi loggarti per inserire un commento
  • Nessun commento trovato

bosisio logo box

bosisio logo drop

Login    Registrati   

Accedi al tuo account

Registrati * * Campi richiesti

Il nome che hai inserito non è valido.
Inserisci un nome utente valido. No spazi vuoti, almeno 2 caratteri e non deve contenere i seguenti caratteri: < > \ " ' % ; ( ) &
Password non valida.
Le password inserite non coincidono. Inserisci la password desiderata nel campo Password e confermala inserendola nel campo Conferma password.
Indirizzo email non valido
Gli indirizzi email inseriti non coincidono. Inserisci il tuo indirizzo email nel campo Indirizzo email e confermalo inserendolo nel campo Conferma indirizzo email.